Preloader Image

SLRVLTN Tre Undici Venti

SLRVLTN Tre Undici Venti

SLRVLTN Tre Undici Venti è andato in onda su Radio Milano International.

Cambio di canale (Radio Milano International ora ha tre canali radio) e cambio di orario per chi segue il viaggio nella musica black tra i quattro punti cardinali Soul, Funk, RnB e Hip-Hop. Non cambia però la sostanza.

Anzi, da questa volta e per cinque settimane c’è una copia di Soul To Soul, l’Opera (così è ormai intesa) di Alberto Castelli (l’Autore) alla mail più veloce del web.

Per cinque settimane un ascoltatore può ricevere a casa (tipo Natale in anticipo) una copia del libro insieme a un messaggio dell’Autore perché Alberto Castelli è un capo e spedisce direttamente l’Opera al primo che via mail ci invia il titolo di una particolare canzone, presa dalle storie di musica vera, che suoniamo alla radio.

Non stiamo nemmeno a dirtelo quanto sia bello il libro e quindi di allenarti per fare bella figura quando scatta “il verde”. Buona fortuna!

Ah fa fede il “timbro postale”.

Questa settimana, ad esempio, è stato il turno di Al Green e della sua ‘Here I Am’.

Qui sotto, insieme a tutte le altre nella playlist.

 

Steffen Morrison • Soul Revolution

Jonas & The Scratch Professor • Pick Me Up (Remix)

Al Green • Here I Am

Busta Rhymes, Kendrick Lamar • Look Over Your Shoulder

Omarion, Wale • Mutual

Rejjie Snow, Snoh Aalegra, Cam O’bi • Mirrors

Arlo Parks • Green Eyes

Gary Beals • Tryna Be There

Jarrod Lawson • Universal Chord

Stevan • No More Regrets

Vwillz • Losing Myself

The Weekend • Too Late

Sam Henshaw • Thoughts And Prayers

Ty Dolla $ign, Big Sean • Tyrone 2021

Erykah Badu • Tyrone

 

La black music, questa sola unica grande storia.

Prendi ad esempio Ty Dolla $ign che nel 2020 fa un salto indietro fino al disco dal vivo di Erykah Badu oppure a Busta Rhymes che cala un asso andando a riprendere ‘I’ll Be There’ dei Jacksons Five.

In maniera molto semplice è questo quello che sta alla base di SLRVLTN, anche di questa SLRVLTN Tre Undici Venti.

Un canovaccio che ha mille fili, alcuni annodati fra di loro, che rappresentano la stessa materia plasmata dal tempo, dai luoghi e dalle situazioni.

La materia che è la storia degli uomini che viene raccontata attraverso musica e parole, ma che è quella storia che si chiama blackness e di cui ci ha raccontato anche Carlo Babando qui.

La settimana prossima ne raccontiamo altra, se ti va.